Sui trent’anni

By

di Ruderi e di Scrittura

Tratto da Inquietudini di Cera, di Gaetano Barreca

“Trent’anni sono un’età magnifica. È il momento in cui ti percepisci vivo, il momento in cui acquisisci la consapevolezza di esistere in quanto individuo. TU!

Alla fine la cosa più semplice da fare era quella di capire come elevarsi al di sopra del labirinto e vedere finalmente qual era la strada da percorrere, la sua via d’uscita. Elevarsi per vedere gli alberi nella loro interezza, assicurarsi che le proprie radici servissero all’albero per innalzarsi e diventare maestoso. Crescere senza distaccarsene. Finalmente scoprire le proprie potenzialità e spiccare il volo. Tutto quello di cui abbiamo bisogno è già dentro di noi.

Non parlo più di cambiamento ma di rivoluzione, o ancor meglio evoluzione, un qualcosa che va oltre, che non cancella né mortifica quel che sei ma lo eleva a un’espressione più alta. Capisci? Nulla si distrugge, tutto si trasforma. È magnifico!…

View original post 763 altre parole